News

Vegan vs Plant based: qual è la differenza?

Spesso si sente parlare di alimentazione vegan, un po’ meno frequente è invece il termine “plant based” che però sta raggiungendo sempre più notorietà su Social come Instagram o Facebook.

Come dice il nome, una dieta “plant basedsi basa sui cibi vegetali, quali frutta, verdura, legumi, cereali, frutta secca e semi escludendo i prodotti di origine animale, come la carne, il pesce, i prodotti caseari, la gelatina etc.

Anche l’alimentazione vegana si astiene dal consumare prodotti di origine animale, prediligendo quelli di origine vegetale.

Ma allora quali sono le differenze?

Sebbene questi due termini possano sembrare molto simili tra di loro, non si riferiscono alla stessa cosa.

Analizziamo meglio allora queste due parole per non confonderle tra loro.

Il veganismo, secondo Wikipedia, è un movimento filosofico basato su uno stile di vita fondato sul rifiuto – nei limiti del possibile e praticabile – di ogni forma di sfruttamento degli animali (per alimentazione, abbigliamento, spettacolo e ogni altro scopo).

Le persone che fanno questa scelta sono definiti vegani e la loro non è una semplice scelta alimentare, ma un vero e proprio stile di vita.
Pelle, pelliccia, lana e seta sono, quando possibile, accuratamente evitati; lo stesso vale per i prodotti che sono testati su animali, come ad esempio alcuni cosmetici.
Anche altri prodotti provenienti dal mondo animale, come il miele e la cera d’api, sono definiti incompatibili con uno stile di vita vegano.

Mentre un pasto a base vegetale si potrebbe etichettare come vegan, una persona che segue una dieta “plant based”  non è necessariamente una persona vegana.
Per esempio, una persona che segue una dieta “plant based” potrebbe ancora indossare pelle o pellicce oppure non essere contro la caccia o il circo.

Dall’altro lato, qualcosa che è vegano non è detto per forza che sia anche a base vegetale (plant based).

Quando si usa il termine “vegano” per descrivere qualcosa (e non qualcuno) si pensa ad un prodotto totalmente assente di prodotti di origine animale.
Tuttavia, l’assenza di prodotti di origine animale non significa automaticamente che il prodotto è “plant based”.

Il termine “plant based” è generalmente usato per descrivere qualcosa che è sano e fatto con cibi vegetali integrali, così da distinguerlo da un cibo che invece è stato elaborato.

Per esempio, gli Oreo si possono definire vegan dato che non contengono prodotti animali. Ma non si possono definire allo stesso tempo “plant based“, dato che sono fatti di tutto tranne che di piante.
Al massimo possono essere considerati un “derivato” (mooolto lontano) di una pianta, che ha però subìto numerose lavorazioni.

Riuscite a seguirmi?

Potreste mangiare patatine fritte, pane bianco, Oreo e CocaCola tutti i giorni rimanendo comunque vegani, ma non seguireste allora una dieta “plant-based”.

Infatti, al contrario di quanto la genti pensi, si può essere vegani pur non mangiando niente che somigli ad un vegetale, basta dare un’occhiata all’infinità di prodotti vegan che imitano il formaggio o la carne.
Questi prodotti potrebbero essere considerati vegan, ma di certo non “plant based” dato che con questo termine ci riferiamo ai soli cibi integrali e non lavorati.

L’aggettivo vegano può essere legato sia ad un prodotto salutare a base vegetale (e quindi plant based) che a un prodotto industriale lavorato non contenente alimenti di origine animale (non plant based).

Una cosa però non esclude l’altra. 

 

Si può seguire una dieta plant based ed essere vegani o essere vegani e decidere di seguire tale dieta, ma non è detto che chi segue una dieta plant based sia vegano e non tutti i vegani seguono una dieta plan based.

Capite adesso qual è la differenza?

Ecco il tutto semplificato da una tabella.

vegan vs plant based.jpg

 

Annunci

3 thoughts on “Vegan vs Plant based: qual è la differenza?

  1. vero, non me l’ero mai chiesto. in pratica, dimmi se ho capito… uno potrebbe essere vegano per motivi etici e mangiare solo patatine fritte nell’idrogenato, ma se vuole unire anche la parte salutare è bene che la sua alimentazionesia anche soprattutto basata su vegetali e cibi naturali e integrali il meno raffinati possibile o lavorati. Però non è obbligatorio che sia 100% fanatico, cioè una buona percentuale alimenti sani, e le patatine ogni tanto sì se ci vanno e se di solito mangiamo bene. giusto? ❤

    Mi piace

    1. Esatto! Questo è il vegano 😁 può decidere lui che tipo di dieta seguire, se salutare o meno.
      Invece chi segue una dieta “plant based” si nutre solo di prodotti non lavorati, integrali e quindi più salutari 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...